“PATTO PER VICENZA”: IL DAL MOLIN, OPPORTUNITA’ O COMPENSAZIONE O …? | Home | COSTITUZIONE, ARTICOLO 1 (da IL FATTO QUOTIDIANO del 24 IX 2009 di Lorenza Carlassare *

11 Settembre 2009

BUON 3° NON-COMPLEANNO REFERENDUM!

Il Comitato Più Democrazia e Partecipazione invita tutti i gruppi, le associazioni e i singoli cittadini a festeggiare il 3° non-compleanno del referendum comunale celebrato appunto il 10 settembre 2006, ovvero tre anni fa, e il cui esito non è ancora stato riconosciuto dall’amministrazione comunale vicentina, né dalla precedente, né dall’attuale, in carica ormai da più di un anno. La stragrande maggioranza delle migliaia di cittadini che erano andati alle urne in occasione del referendum ha votato a favore dell’introduzione nello statuto comunale di nuovi e più forti strumenti di partecipazione popolare alla vita cittadina (quali il referendum propositivo e quello abrogativo) che consentirebbero ai vicentini di esprimere in modo istituzionale il proprio pensiero su questioni delicate e importanti per l’intera collettività.

La domanda che viene spontanea è: chi ha paura degli strumenti di partecipazione e democrazia diretta? E soprattutto, è giustificabile l’insabbiamento di questo argomento, dopo che in campagna elettorale veniva facile a tutti parlare di partecipazione, salvo poi rinnegarla con i fatti?

Invitiamo quindi tutti a farsi portavoce della richiesta del completamento dell’iter referendario che si concluderà solo con il dibattito in consiglio comunale e l’introduzione nello statuto del comune di Vicenza dei tre nuovi strumenti a favore della partecipazione dei cittadini (referendum propositivo, abrogativo e  propositivo- abrogativo).

Non esitiamo a far sentire la nostra voce.

Invece della protesta, utilizziamo gli strumenti che abbiamo a disposizione.

E se questi ci vengono negati, reclamiamoli a gran voce perché è un nostro diritto, sancito dalla costituzione.

Il Comitato Più Democrazia e Partecipazione prevede di organizzare nuove iniziative per sbloccare questa situazione di impasse istituzionale dopo che i vari incontri con rappresentanti dell’attuale amministrazione non hanno ottenuto i risultati attesi.

I cittadini saranno i primi a essere informati sulle prossime iniziative.

Per eventuali consigli e suggerimenti scrivere a piudemocrazia@gmail.com.

AIUTIAMOCI A CONTARE DI PIU’. 

                                                    

Inserisci la tua opinione